Consulenza legale: istruzioni per l’uso

Una delle opportunità offerte agli associati UPPI è quella di poter ottenere un parere verbale da parte di un avvocato fiduciario dell’associazione.

Molte volte infatti ci troviamo di fronte ad un problema o ad un contenzioso di natura immobiliare, locatizio, contrattuale, condominiale, di divisione o altro per cui necessitiamo di una valutazione di un esperto legale per conoscere i nostri diritti e … quelli degli altri.  L’avvocato, in questo caso, può essere di notevole aiuto per inquadrare la situazione da un punto di vista giuridico e prospettare cosa fare e come comportarsi.

Il contenzioso in materia di affitti, con in prima posizione quello relativo agli sfratti per morosità ed ai danni all’immobile, le controversie condominiali e quelle relative alle compravendite sono le questioni più frequentemente affrontate, tuttavia la conflittualità si riscontra abbastanza spesso anche in campo ereditario-divisionale ed nelle diatribe della separazione-divorzio dove la sorte del patrimonio immobiliare familiare deve fare i conti con l’evolversi delle situazioni e con l’insorgere di conflitti che talvolta mai si pensava potessero accadere.

Il colloquio con il legale costituisce una utile occasione per fare il punto sulla questione controversa e sulle possibili azioni stragiudiziali e giudiziarie da intraprendere e, non da ultimo, sul loro costo sia in termini economici che di tempo.   Sarà poi l’associato che liberamente sceglierà, se del caso, di avvalersi o meno della attività legale o giudiziaria del consulente che, ovviamente, sarà regolata a parte.

Gli appuntamenti con il legale hanno durata programmata di 20 minuti e vanno prenotati on line oppure telefonando in sede.   L’interessato si recherà poi presso la sede UPPI nel giorno ed ora stabilito portando con sé l’eventuale documentazione del caso; è certamente possibile organizzare il consulto anche in videoconferenza o per telefono.