Tasse sulla casa: da 9 a 26 miliardi in tre anni

Scritto da Administrator. Postato in COMUNICATI E NOTIZIE SINDACALI UPPI

Nonostante le promesse fatte dal governo anche nel decreto cosiddetto “Sblocca Italia” non c’è traccia di eventuali agevolazioni in maniera fiscale anche per quanto riguarda la casa che continua a rimanere una sorta di bancomat per chiunque sia al governo e voglia fare cassa.
L’unico dato reale che incombe come un macigno sui proprietari è che nel 2011 per il prelievo fiscale sulla casa si pagavano complessivamente 9 miliardi di euro e che, in soli tre anni, questa cifra è quasi triplicata visto che, nel 2014, si prevede un ricavo per lo Stato di oltre 26 miliardi.

Ma alle Banche ... è sempre tutto dovuto?

Scritto da Administrator. Postato in CONSULENZA LEGALE, GIUDIZIARIA, MEDIAZIONE CIVILE, ARBITRATO

VERIFICHE E CONTROLLI A TUTELA DEI PROPRIETARI, CONSUMATORI ED IMPRENDITORI UPPI.
Tassi d'interesse e di mora, spread, anatocismo, spese, commissioni: quello che ci viene fatto pagare dalle Banche e dalle Finanziarie è davvero sempre tutto dovuto?
Se la situazione bancaria o finanziaria non ti convince vieni o contatta l'UPPI per uno specifico check up di verifica sui tassi effettivi applicati, sui calcoli e sulla correttezza delle condizioni dei contratti di mutuo fondiario, leasing immobiliare e strumentale, fido ed extra fido bancario, finanziamento o prestito.
La verifica mira a scoprire l'eventuale applicazione di tassi di interesse usurari e/o non corretti, l'addebito di importi anatocistici, l'irregolarità di conteggi, addebiti, clausole e variazioni contrattuali, supportando l'associato con i propri professionisti fiduciari sia sul piano legale che tecnico-contabile per l'accertamento e la restituzione delle eventuali somme indebitamente incassate o pretese dagli Istituti bancari e finanziari.
Prenota l'appuntamento all'UPPI di Udine oppure contattaci via email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

"LOCAZIONE RESPONSABILE": un aiuto per proprietari ed inquilini

Scritto da Administrator. Postato in COMUNICATI E NOTIZIE SINDACALI UPPI

In occasione del convegno "Abitare Domani: il futuro dell’Abitare Sociale” tenutosi venerdì 28 giugno a Udine in sala Ajace ed organizzato dal Coordinamento CASA-FVG con il patrocinio del Comune di Udine è stato presentato il Protocollo d'intesa "LOCAZIONE RESPONSABILE".
 
Le quattro Agenzie sociali per l’Abitare della regione (Associazione Vicini di Casa - Udine, Cooperativa Lybra - Trieste, Betlem - Gorizia, Abitamondo - Pordenone) riunite nel coordinamento CASA FVG hanno dato vita con le sedi UPPI di Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine ad un intesa volta ad un tempestivo intervento in caso di morosità o di altre gravi criticità nelle locazioni abitative relativamente ad inquilini che versano in situazioni di disagio abitativo.

Modifiche tabelli millesimali: regole chiare con la riforma

Scritto da Administrator. Postato in PROPRIETA', CONDOMINIO, SERVITU', DISTANZE, IMMISSIONI

Il principio è l'unanimità, a maggioranza in soli due casi.
La riforma del condominio ha riscritto, ampliato e chiarito l'originario e generico articolo 69 delle disposizioni di attuazione del Codice Civile.
Come si ricorderà la questione aveva riservato non poche diatribe perchè dalla sostanziale immutabilità dei millesimi si era poi manifestata una giurisprudenza oscillante, culminata con la sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione n. 18477 del 9 agosto 2010 che aveva autorevolmente aperto la strada alle modifiche a maggioranza.
Ora le nuove disposizioni, recependo solo in parte la tendenza, fissano in modo chiaro le regole per la modifica dei millesimi. Ecco i punti fermi della nuova norma.

Per le locazioni: obbligo della certificazione energetica fin dalle trattative

Scritto da Administrator. Postato in LOCAZIONE (ASSISTENZA CONTRATTUALE UPPI)

APEPer il rilascio incarica i tecnici fiduciari UPPI.
E' obbligatoria per le nuove locazioni la consegna ed allegazione al contratto della certificazione energetica, che ora ha assunto il nome di APE (Attestato di Prestazione Energetica).
Tra l'altro in base al comma 2 dell’art. 6 del D.Lgs 192/2005 “In tutti i casi  il proprietario deve rendere disponibile l’Attestato di prestazione energetica al potenziale acquirente o al nuovo locatario all’avvio delle rispettive trattative e consegnarlo alla fine delle medesime”.
Quindi ad esempio in caso di vendita, donazione o nuova locazione, il proprietario è tenuto a dotarsi dell'APE ben prima della stipula dell'atto notarile o del contratto di locazione.
Gli associati possono chiedere alla sede UPPI il nominativo dei professionisti di fiducia convenzionati per il rilascio del certificato a prezzi prefissati.

L'UPPI amministra il vostro condominio

Scritto da Administrator. Postato in PROPRIETA', CONDOMINIO, SERVITU', DISTANZE, IMMISSIONI

La Sede Provinciale dell'UPPI di Udine si propone direttamente per l'amministrazione degli edifici condominiali.
L'assemblea condominiale potrà nominare l' UPPI di Udine in qualità di amministratore del Condominio.
L'UPPI risponde alle massime aspettative di tutti coloro che hanno a cuore il proprio Condominio e desiderano una amministrazione trasparente, efficace e competente.
L'amministrazione condominiale UPPI è unica e innovativa: quello che i proprietari hanno sempre sognato è realtà.
Trasparenza totale
Basta alle gestioni poco chiare, ai documenti che non si trovano e all'impossibilità di vedere le carte.
Tutti i dati, le scadenze ed i documenti del Condominio sono a disposizione dei condomini, sempre, senza segreti e con la massima semplicità.
Ciascun condomino può visionare e stampare gratuitamente, 24 ore su 24 via internet: regolamento e tabelle millesimali, verbali e delibere condominiali, bilanci preventivi e consuntivi, riparto rate in scadenza e pagate, nonché tutti gli estratti-conto del conto corrente bancario condominiale.
L'accesso on line è diretto dal nostro sito con le credenziali ricevute dall'UPPI.

Solo il 10% di tasse sulle locazioni agevolate e studenti con la cedolare secca

Scritto da Administrator. Postato in LOCAZIONE (ASSISTENZA CONTRATTUALE UPPI)

AFFITTASICartellorossoOra la "cedolare secca" è davvero conveniente: cosa fare per aderire
Naturalmente la cedolare al 10% è applicabile solo alle locazioni abitative degli immobili che si trovano nei comuni ad "alta tensione abitativa": Udine, Basiliano, Cervignano del Friuli e Tavagnacco.
CONTRATTI IN CORSO GIA' IN CEDOLARE
Tutti i proprietari che hanno in corso un contratto per il quale hanno già optato per la cedolare secca non devono fare nulla perchè beneficieranno dell'aliquota al 10% retroattivamente a decorrere dall'inizio 2014.
CONTRATTI NUOVI
Tutti i proprietari che stipuleranno un nuovo contratto potranno optare fin dall'inizio per la tassazione al 10% dei redditi locativi, con tutti i vantaggi anche della gratuità dell'imposta di registro e di bollo.
La sede UPPI è pronta per la completa assistenza contrattuale: prenota un appuntamento anche on line.
CONTATTI IN CORSO CON TASSAZIONE IRPEF
In occasione della scadenza annuale coloro che hanno in corso un contratto sottoposto al regime ordinario IRPEF potranno optare e passare al regime della"cedolare secca": se si tratta di un contratto agevolato (3+2) o per studenti la tassazione l'aliquota sarà al 10%, mentre per i contratti ordinari (4+4) l'aliquota è fissata al 21%, salvo transitare nel canale agevolato con la stipula di un nuovo contratto.
Per questi aspetti è indispensabile una consulenza caso per caso.

Appartamenti con difetti di acustica: si può far causa

Scritto da Administrator. Postato in CONSULENZA TECNICA, URBANISTICA, EDILIZIA, COSTRUZIONI, APPALTI, CERTIFICAZIONI

La tutela dei vizi acustici degli immobili è nuovamente possibile per gli immobili acquistati che presentano deficit e vizi acustici.
Con la sentenza del 29 maggio 2013, n.103 la Corte Costituzionale si è espressa sulla illegittimità dell’art. 15, comma 1, lettera c), della legge 4 giugno 2010, n. 96 (Legge comunitaria 2009) in materia di requisiti acustici passivi degli edifici.
La norma dichiarata incostituzionale aveva ritenuto, in via di interpretazione, che “la disciplina relativa ai requisiti acustici passivi degli edifici e dei loro componenti non trova applicazione nei rapporti tra privati e, in particolare, nei rapporti tra costruttori-venditori e acquirenti di alloggi, fermi restando gli effetti derivanti da pronunce giudiziali passate in giudicato e la corretta esecuzione dei lavori a regola d’arte asseverata da un tecnico abilitato".

PUBBLICITÀ E SPONSOR

Per pubblicità sul nostro sito contattaci direttamente via e-mail >>> info@uppiudine.it